giovedì 2 febbraio 2017

PESCATORE



"Primo sono un pescatore, mi piace il fiume, siamo un’unica cosa praticamente.
Una vita imperniata nelle stagioni del Po. I pesci da pescare, le chiocciole da raccogliere, le anguille che risalgono, i cefali che poi muoiono nelle lanche a fine estate, le anatre che fanno il nido nel frumento, i pioppini che non ti dirò mai dove ho trovato ma che ti dono volentieri.
Conosco il Po perché ci ho vissuto tutta la vita: fidati che questa piena non farà danni e che defluirà perché al centro del letto non c’è più il culmine.
Stamattina ti ho svuotato la barca dall’acqua del temporale, so che tu lavori e io dovevo salirci per pescare, mica posso aspettarti… che quando c’è ancora buio all’attracco non c’è nessuno. Ci sono  solo i cormorani a quell’ora. E si pesca bene.
Ricordati che le esche giuste stanno sempre nel corpo dei pesci che vuoi catturare. Devi pulirli  i pesci se vuoi capire le loro abitudini, il loro comportamento, come e quando si nutrono e dove li devi cercare.
Per il pesce gatto oramai ci vuol pazienza, che tre bei pesci sono già una bella parte… e ci si può accontentare.
Succede che oggi non ho preso niente, ma infondo che importa. Il pesce che non ha abboccato oggi è pronto per domani perché nel Po  sta bene e comunque sono stato quattro o cinque ore sul fiume, quindi è una bella giornata. Freddo eh?!, che ci vogliono due maglioni, due giubbotti e le calze di lana sotto le braghe, che la primavera è falsa: sembra una stagione calda ma il mattino presto è come l’inverno. Ma guai a  toglietemi il Po al mattino presto. Ne morirei".


Ciao, Primo, è assurdo. Mi sembravi immortale.

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE:
I COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O PUBBLICITARI VERRANNO ELIMINATI.
I COMMENTI ANONIMI VERRANNO ELIMINATI.