Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

IL FEMORE DI LUCY

(Donald Johanson e Lucy)
Era l’anno 1974 quando in Etiopia, sotto le note di “Lucy in the sky with diamonds”, il dottorando americano Donald Johanson e il suo Team di ricerca scoprirono i frammenti di un piccolo scheletro che una volta ricomposto divenne l’olotipo della specie Australopithecus afarensis. Il fossile venne catalogato col codice AL 288e soprannominato immediatamente “Lucy” come imposto dall’insistenza dei Beatles con l’unico disco disponibile nel campo, e dalla decisione della ragazza di Donald poi sostenuta dell’intero Team. Da allora Lucy è un’icona della paleoantropologia tanto da surclassare, per notorietà, perfino il proprio scopritore. In questo scheletro, circa il 40% del totale, è contenuto anche il femore sinistro che, seppur spezzato, ha fornito alcuni dati chiave nella ricostruzione della specie. La forma dell’osso, ed in particolare l’angolo tra la testa del femore e la diafisi, indussero a sostenere l'esistenza della postura eretta prima della comparsa del …