martedì 7 agosto 2012

A NEW FOSSIL TURTLE

 Un nuovo reperto  si aggiunge alla collezione di cheloni fossili.
Si tratta di un "piccolo" fossile, solo perchè è separato dal resto dell'organismo a cui apparteneva: una tartaruga gigante terrestre.
Questa specie, estinta, doveva essere qualcosa di simile alle attuali tartarughe delle Galapagos, ma endemica dell'America del Nord.
Il fossile oggetto del post è uno sperone posteriore di testuggine gigante (Geochelone sp.) proveniente dal fiume Santa Fe, tra il Colorado ed il New Mexico. Una placca ossea cutanea posizionata tra la gamba posteriore e la coda:
Si ritrovano omologhi attuali di questa parte anatomica nelle tartarughe terrestri giganti ed anche in alcune specie terrestri africane, come ad esempio la  Geochelone (Stigmochelys) pardalis, visibile nelle foto seguenti.

L'esemplare di pardalis misurato è ancora piccolo, pesa circa 1,5 kg, e la lunghezza del suo carapace è di 20 cm. Consapevole dell'inesattezza nel confrontare non solo due specie diverse, ma trascurando anche il dimorfismo sessuale, per puro diletto ho voluto provare, attraverso una semplice proporzione, a confrontare la lunghezza dello sperone con quella del carapace, determinando quanto poteva essere lungo quello della testuggine gigante americana.
S. pardalis:  
L sperone = 8.28mm;
L carapace = 200mm
Geochelone sp. (Santa Fe River): 
L sperone = 48,37mm
(8.28mm) x (200mm) = (48.37mm) : X   
X=48.37x200/8.28   X=9682.28mm
Il carapace della testuggine a cui apparteneva lo sperone di Santa Fe River era lungo circa un metro.